WikiMilano - Protagonisti metropolitani è organo ufficiale dell'Osservatorio Metropolitano di Milano

non sei un utente registrato: al momento non puoi creare e modificare pagine.

Mauro Drudi, Icons & Symbols

Jump to navigation Jump to search
Mauro Drudi, Icons & Symbols
Mostra Pittorica
DRUDI.jpg
Data25 gennaio 2020-16 febbraio 2020
LuogoLotto 11 (V&A) Fabbrica del Vapore, via Procaccini, 4
Protagonisti
Organizzatori


Descrizione

Mauro Drudi, Icons & Symbols a Milano

Reduce dai successi di mostre e installazioni che negli ultimi due anni hanno avuto luogo quasi esclusivamente in terra siciliana in chiese consacrate e sconsacrate, con un’installazione ancora attiva presso il Museo Mandralisca di Cefalù, Mauro Drudi, artista romagnolo di 55 anni, mette in mostra i tre progetti più importanti ai quali sta lavorando, progetti che vedono nella città di Milano e nella Fabbrica del Vapore la loro collocazione ideale. “ICONS and SYMBOLS” mette in mostra infatti la serie “POP”; l’installazione sulla condizione della donna intitolata “LEI” e la ricerca sulle “sagome animali”, tre progetti che hanno in comune il segno netto, il tratto estremamente riconoscibile, la campitura di colore piatta e omogenea. Nella serie delle “sagome animali” la linea che delimita la forma principale è la caratteristica più evidente, distinguibile a distanza, ma la vera trappola per il lettore è il vorticoso inseguirsi in assonanze e dissonanze delle linee rette e curve e dei colori che compongono l’animale in un intercalare quasi ipnotico. La serie POP invece interviene nella grande arte e nella storia del costume con rifacimenti ironici in cui la linea, contrariamente alle sagome animali, non è invisibile fra colore e colore ma diventa essa stessa una campitura riuscendo, sia che si tratti di un capolavoro rinascimentale che del ritratto di Jack Nicholson, a rendere entrambe le opere fruibili quasi come un fumetto senza perdere però la profondità dell’opera d’arte pittorica e della sua tavolozza, che a volte diventa più brillante e convincente dell’originale. Sul progetto LEI è stato scritto molto: è già sulla copertina del saggio intitolato DOPO WARHOL del Professor Andrea Mecacci, docente di estetica presso l’Università di Firenze e su di esso è già stata redatta una tesi di laurea. In questo caso il segno è ancor più importante perché attraverso la stilizzazione del volto dell’Annunziata di Antonello da Messina, che diventa semplicemente luce e ombra, si è arrivati a individuare un’immagine che è un simbolo e un’icona allo stesso tempo, immagine che è alla base delle monumentali installazioni della cosiddetta “campagna siciliana” durata quasi due anni con installazioni in chiese consacrate e sconsacrate e Musei in città come Siracusa, Cefalù e Messina. I tre progetti hanno un ulteriore aspetto in comune. Queste opere apparentemente semplici realizzate con linee definite e colori netti, lasciano che lo spettatore si avvicini senza timore, sia che si tratti di un dipinto POP, di una “sagoma animale” o di una LEI, cioè una delle tante interpretazioni del volto dell’annunziata, spettatore che si ritroverà quasi inconsapevolmente immerso all’interno dell’opera d’arte ad affrontare tematiche di una profondità tutta particolare, proprio perché profonde e leggere allo stesso tempo, tematiche che solo l’arte, da sempre, nella storia, sa distillare goccia a goccia dalla sensibilità di chi ha di fronte. Icons & Symbols, dal 25 gennaio al 16 febbraio 2020, Fabbrica del Vapore, a Milano


Patrocini


Milano Vapore

Milano Vapore si propone in particolare di promuovere la città di Milano quale sede di attività e luogo d’incontro anche internazionale, per scambi tra le diverse culture ed esperienze nei campi del Tempo Libero, del Design e di tutto ciò che è avanguardia e sperimentazione culturale a livello europeo. Vuole cogliere ed amplificare i segnali deboli di eccellenza e sistematizzare tutto ciò che quotidianamente freme, si agita, lotta ed agisce per costruire il futuro. Milano Vapore non si chiama così per caso. Fabbrica del Vapore è lo spazio cittadino di pregio che la ospita. Non solo. Fu proprio Giampaolo Berni Ferretti, fondatore e presidente dell'associazione, ad intuire le potenzialità ed elaborare il primo progetto di recupero dell'area ex industriale da sottoporre all'assessore Sergio Scalpelli e al Comune di Milano. Queste idee hanno poi preso corpo, con significative e positive ricadute per il territorio, in particolar modo per i giovani. La documentazione sul progetto Fabbrica del Vapore. La relativa documentazione è consultabile online:

Video

  • DRUDI FABBRICA DEL VAPORE 25 gennaio 2020-16 febbraio 2020

Immagini

Pagine correlate

Collegamenti esterni