WikiMilano - Protagonisti metropolitani è organo ufficiale dell'Osservatorio Metropolitano di Milano

non sei un utente registrato: al momento non puoi creare e modificare pagine.

Museo Poldi Pezzoli

Jump to navigation Jump to search


Museo Poldi Pezzoli
8829 - Milano - Via Manzoni - Palazzo Poldi Pezzoli - Foto Giovanni Dall'Orto 14-Apr-2007.jpg
Caratteristiche
Tipo Museo d'Arte
Collezioni Pittura, Scultura, Arti Applicate
Apertura 1881
Protagonisti
Presidente Gian Giacomo Attolico Trivulzio

Direttore Annalisa Zanni
Altri Vedi elenco nella pagina
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località Milano
Indirizzo Via Manzoni, 12
M3 Montenapoleone
Caricamento mappa ...
Contatti
Email ferraris@museopoldipezzoli.it
Telefono +39. 02 79 4889
Sito Web https://museopoldipezzoli.it/

Contatta il tutor di questa pagina WikiMilano

Il Museo Poldi Pezzoli è la dimora che Gian Giacomo Poldi Pezzoli ha donato alla città di Milano, contiene la collezione di oggetti d’arte, dipinti, sculture e arredi che il proprietario ha raccolto nel corso della vita.

Checked.png Contenuti verificati da Osservatorio Metropolitano di Milano (5/10/2020)

Storia

Il Museo viene inaugurato il 25 aprile 1881, in seguito all’esecuzione del testamento di Gian Giacomo Poldi Pezzoli, che disponeva che la sua casa e tutto ciò che conteneva fosse donato alla città di Milano perché diventasse una fondazione artistica a vantaggio della collettività.

Gian Giacomo Poldi Pezzoli nasce a Milano il 22 luglio 1822, da Giuseppe Poldi Pezzoli, erede della ricca Famiglia Pezzoli, e da Rosina Trivulzio, appartenente a una delle più nobili e ricche famiglie di Milano.

Dopo la morte del padre, Gian Giacomo prosegue la sua educazione sotto la guida della madre, ciò gli da la possibilità di entrare in contatto con il mondo artistico e culturale della Milano ottocentesca.

Raggiunta la maggiore età, entra in possesso dell’eredità paterna. Nel 1848 sostiene i moti rivoluzionari a Milano, ma viene esiliato dall’autorità austriaca. Durante l’esilio Gian Giacomo viaggia per l’Europa ed entra in contatto con il collezionismo internazionale. Rientrato a Milano nel 1849, inizia a collezionare oggetti d’arte, arredi e armature, con lo specifico progetto di mettere insieme una collezione e creare una casa museo.

La sua casa diventa un luogo di raduno per critici, artisti e storici dell’arte, Gian Giacomo inizia a collezionare dipinti del Rinascimento italiano e chiama i decoratori Giuseppe Bertini e Luigi Scrosati perché si occupino dell’allestimento e della decorazione delle varie sale tematiche della Casa Museo.

In seguito alla morte di Gian Giacomo Poldi Pezzoli, la casa diventa una Fondazione Artistica e museo aperto al pubblico, come da sua volontà. Il palazzo viene danneggiato dai bombardamenti aerei su Milano nel 1943, con perdita di parte degli stucchi e decorazioni originali.

Il Museo viene restaurato e riapre nel 1951. Nel corso degli anni la collezione del Museo si è ampliata, grazie a donazioni da parte di privati.

Attività

La Fondazione Artistica Poldi Pezzoli ha come scopo la tutela, la conservazione e la valorizzazione dei beni di interesse artistico che costituiscono il suo patrimonio culturale. In particolare il Museo studia e comunica la storia del gusto collezionistico lombardo e italiano dell’Ottocento e le raccolte di dipinti e arti decorative collezionate da Gian Giacomo Poldi Pezzoli nel corso della sua esistenza.

Il Museo, inoltre, organizza mostre, eventi e conferenze, oltre che attività educative per ragazzi e scuole.

Protagonisti

Consiglio di amministrazione


Conservatori:

Note

Voci correlate

Collegamenti esterni

Sito web museopoldipezzoli.it/