WikiMilano - Protagonisti metropolitani è organo ufficiale dell'Osservatorio Metropolitano di Milano

non sei un utente registrato: al momento non puoi creare e modificare pagine.

Rozzano: videosorveglianza in città, solo 15 le telecamere attive

Jump to navigation Jump to search

Il Comune spiega di aver ereditato dalla precedente amministrazione 50 nuove postazioni dotate di 180 telecamere mai attivate

Rozzano, 19 luglio 2019

l Comune di Rozzano fa il punto della situazione sulla videosorveglianza cittadina e prende atto che delle 24 vecchie postazioni, installate nel 2013, solo 15 telecamere sono effettivamente funzionanti. La scarsa manutenzione dei vecchi impianti ha prodotto questi risultati e la precedente amministrazione, che dal Ministero dell’Interno ha ottenuto il finanziamento per i sistemi di video sorveglianza urbana, non ha mai attivato le 50 postazioni installate dotate di 180 telecamere.Le nuove postazioni , dislocate nei vari punti della città e collocate sui sostegni dell’ illuminazione pubblica, sono dotate di 4 obiettivi che consentono una visualizzazione a 360° con una tecnologia 4k. Al momento le nuove telecamere non sono in funzione poiché non è stato attivato il ponte radio principale.

L’attuale amministrazione sta provvedendo alla risoluzione delle procedure burocratiche e tecniche. “La sicurezza della città e dei nostri cittadini è uno dei nostri obbiettivi principali – spiega il sindaco Gianni Ferretti. Ereditiamo dai nostri predecessori una cattiva gestione della video sorveglianza e siamo certi che riusciremo a dare una risposta positiva al territorio. I nostri uffici si sono già attivati per risolvere le problematiche.”" Nella scorsa legislatura - precisa il vice sindaco Cristina Perazzolo - ho chiesto espressamente di sapere il numero di telecamere attive sul nostro territorio. Le risposte date dalla precedente amministrazione non corrispondono alla realtà. Da alcune settimane abbiamo messo in campo i vigili di quartiere e il terzo turno della Polizia locale, compatibilmente con le altre attività e l’organico disponibile. Sono molto soddisfatta del lavoro che svolgono e del grande impegno a disposizione dei nostri cittadini".

La replica del Pd: "Progetto di videosorveglianza voluto da noi"

"Si continua a voler dipingere una realtà diversa da quella che è. Ci dispiace molto che si usino addirittura i canali istituzionali per continuare a polemizzare con la precedente amministrazione, invece che dare le informazioni utili al cittadino": inizia così la nota del Pd rozzanese che replica al comunicato della Giunta in merito alla videosorveglianza. "In questo caso dobbiamo ricordare alla vicesindaca Perazzolo e al Sindaco Ferretti che chi ha avviato il più importante progetto di videosorveglianza in città è stata la Giunta Agogliati, attraverso il bando della illuminazione pubblica, da loro osteggiato. Certamente il progetto deve essere ultimato con la posa delle ultime telecamere e il completamento delle infrastrutture tecniche di supporto ma quando sarà completato avremo sul territorio 280 telecamere che si aggiungeranno alla ventina già attive (che sempre noi abbiamo installato e reso operative) che darà una copertura totale di tutti i varchi, di tutti i quartieri e dei punti sensibili della città. Questo progetto, così ampio, ovviamente ha dei tempi di realizzazione, e senza un minimo di riconoscimento per quanto fatto da chi li ha preceduti, credono di prendersi tutti i meriti, quando tra breve sarà completato. Noi rivendichiamo fermamente e in modo chiaro che lo abbiamo voluto, lo abbiamo finanziato, lo abbiamo quasi completato. Chi arriva all’ultimo minuto, avendo pure votato contro questo progetto e pretende di metterci su il cappello è solo ridicolo. Se tanto ci tengono alla sicurezza chiediamo che completino quel poco che rimane da completare del progetto e lo mettano in funzione, oltre a ciò, chiediamo, il raddoppio di questo progetto: ne installino altrettante, e dopo parlino"

Il Pd rozzanese prosegue mettendo in evidenza alcuni punti:

- le telecamere sono andate in disuso per aver collocato il nuovo sistema server per immagazzinare le immagini, comprese 15 nuove telecamere ottenute con il finanziamento bando da € 50.000,00, l'obbiettivo era quello di modernizzare il server in funzione per il nuovo impianto che si andava a mettere al bando con illuminazione pubblica;- Le 50 postazioni che abbiamo ottenuto con il bando e il finanziamento sono state inserite nel progetto di illuminazione e videosorveglianza che da un bando preveva n. 129 telecamere si aggiungono le 50 ed otteniamo le 179 come da progetto di fattibilità Siram, tutto documentato dagli atti di bando;- Non è veritiera la descrizione delle telecamere perché non sono tutte collocate a 360°, dove l'incrocio o la viabilità consente il posizionamento delle 360 oppure la collocazione di altri gradi per le riprese, detto così come loro descrivono, i pali dove sono collocate le telecamere e prospicenti a case di abitazione potrebbero ledere la privacy del cittadino osservandolo in casa;- La nuova amministrazione deve solamente accendere l’interruttore e mettere in funzione il sistema che Siram, come da bando, ha predisposto.- Consideriamo diffamatorio quanto dichiarato “La sicurezza della città e dei nostri cittadini è uno dei nostri obbiettivi principali – spiega il sindaco Gianni Ferretti. Ereditiamo dai nostri predecessori una cattiva gestione della video sorveglianza e siamo certi che riusciremo a dare una risposta positiva al territorio. I nostri uffici si sono già attivati per risolvere le problematiche.” La vecchia amministrazione ha fatto il 90% delle lavorazioni e delle collocazioni nonché quella della pubblica illuminazione, loro devono solamente alzare l'interruttore e dare avvio ad un sistema che ricevono su un tappeto rosso dalla precedente amministrazione. Anche su questo possono vivere di rendita.

Autore


Note


Pagine correlate