WikiMilano - Protagonisti metropolitani è organo ufficiale dell'Osservatorio Metropolitano di Milano

non sei un utente registrato: al momento non puoi creare e modificare pagine.

Stefano Maullu

Jump to navigation Jump to search
Stefano Maullu
Stefano-Maullu.jpg

Parlamentare europeo
In carica
Inizio mandato 2015
Gruppo PPE (Partito Popolare Europeo)
Incarichi
Vicepresidente della Commissione Cultura. Membro della Delegazione alla Commissione di cooperazione parlamentare Ue-Russia

Assessore di Regione Lombardia
Durata mandato 30 luglio 2008 –
17 marzo 2013
Presidente Roberto Formigoni

Consigliere di Regione Lombardia
Durata mandato 11 maggio 2000
(rieletto nel 2005 e nel 2010) –
17 marzo 2013

Consigliere del Comune di Milano
Durata mandato 16 giugno 1997 –
14 maggio 2001
Sindaco Gabriele Albertini
Incarichi
Presidente della Commissione Urbanistica

Consigliere della Zona 7 e 8 di Milano
Durata mandato 1993 –
giugno 1997

Dati generali
Partito politico Forza Italia fino al 28 novembre 2018, poi Fratelli d'Italia

Stefano Maullu, all'anagrafe Stefano Giovanni Maullu (Milano, 15 marzo 1962), è un politico italiano, già assessore di Regione Lombardia e attualmente europarlamentare. Eletto nella lista di Forza Italia, ha annunciato il passaggio a Fratelli d'Italia il 28 novembre 2018.

Checked.svg Contenuti verificati da Osservatorio Metropolitano di Milano (28/11/2018)

Comune di Milano

Dopo quattro anni trascorsi nel Consiglio di Zona di Milano, nel 1997 viene eletto consigliere comunale con la lista Forza Italia-CDU, ottenendo 435 preferenze. Viene nominato presidente della Commissione Urbanistica, dove si impegna in particolare sul tema della riqualificazione del territorio comunale con il nuovo regolamento edilizio.

Regione Lombardia

Nel 2000, in occasione delle elezioni regionali, viene eletto con 9.435 preferenze. Con la piattaforma “Europa Facile” inizia a occuparsi sin da subito di tematiche comunitarie, dedicandosi alla promozione e allo sviluppo del territorio attraverso i finanziamenti europei. Cinque anni dopo viene rieletto con 10.616 preferenze, divenendo presidente della Commissione Ambiente, Energia e Protezione Civile.

Nel 2009, durante il suo mandato da assessore alla Protezione Civile, coordina l’invio dei volontari lombardi nei territori abruzzesi colpiti dal terremoto.

Nel 2010, con 17.431 preferenze, è confermato per la terza volta in Regione Lombardia, e viene nominato Assessore al Commercio, Turismo e Servizi. In questi anni si occupa principalmente della valorizzazione delle eccellenze lombarde e dei negozi storici della Lombardia.

Tangenziale Est Esterna

Nel 2012 diventa presidente della società Tangenziale Est Esterna di Milano, incaricata di realizzare la nuova Tangenziale Esterna. Un anno dopo, nel 2013, ottiene dalla BEI – la Banca Europea degli Investimenti – la copertura finanziaria totale per il completamento dell’opera (700 milioni di euro, su un totale di 2.2 miliardi di euro di valore complessivo). Nel gennaio 2013 diviene Amministratore delegato di TEEM, e nel 2014, dopo aver lasciato l’incarico, diventa responsabile per le relazioni istituzionali della società.

Parlamento europeo

Nella primavera del 2014 si candida al Parlamento Europeo nella circoscrizione del Nord-Ovest, ottenendo 34.919 preferenze nella lista Forza Italia e risultando il primo dei non eletti. Un anno dopo, in seguito alle dimissioni di Giovanni Toti, diventa europarlamentare. Al momento è vicepresidente della Commissione Cultura, ed è membro della Delegazione alla Commissione di cooperazione parlamentare Ue-Russia. È anche membro sostituto della Commissione per l’ambiente, della Commissione giuridica e della Delegazione all’Assemblea parlamentare paritetica ACP-UE. Nel 2017, è l’unico eurodeputato di Forza Italia ad opporsi alla Direttiva 477 sull’acquisizione e sulla detenzione di armi.

Il 28 novembre 2018 ha annunciato il passaggio a Fratelli d'Italia.