WikiMilano - Protagonisti metropolitani è organo ufficiale dell'Osservatorio Metropolitano di Milano

non sei un utente registrato: al momento non puoi creare e modificare pagine.

Zelig

Jump to navigation Jump to search
Zelig
Logo areazelig.png
Zelig.jpg
Protagonisti
Direttore artistico
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località Milano
Indirizzo Viale Monza, 140
Caricamento mappa ...
Contatti
Email info@areazelig.it
Telefono 02 574951449

Contatta il tutor di questa pagina WikiMilano


Checked.png Contenuti verificati da Osservatorio Metropolitano di Milano (16/02/2021)

Storia

Il cabaret Zelig prende forma nei locali del Circolo cooperativo di Unità Proletaria e, sotto la guida di Giancarlo Bozzo, insieme alla direzione artistica di Gino & Michele, assume subito un ruolo importante nella vita culturale della città.

Il debutto nella storica sede del 140 di viale Monza, sul Naviglio Martesana, avviene il 12 maggio 1986 ed è un successo, Zelig si consacra punto di riferimento irrinunciabile della vita notturna milanese di qualità.

Il palco del locale diviene indispensabile palestra e, sempre più spesso, esplodono fenomeni unici per qualità e intensità come Antonio Albanese, Aldo Giovanni e Giacomo, Gioele Dix, Gene Gnocchi, gli stessi Elio e le Storie Tese, Maurizio Milani, Dario Vergassola, e molti altri nomi.

Nel 1996, in occasione del decennale, il brand Zelig, realtà milanese, diventa realtà nazionale. Nasce, infatti, Bananas s.r.l. (ora Zelig Media Company srl) che gestisce il marchio Zelig in tutta Italia e la programmazione di Zelig Cabaret in viale Monza.

Incominciano anche le varie produzioni teatrali e televisive, con le trasmissioni di Zelig al centro dei palinsesti (Mediaset) e dei consensi della critica e con la partecipazione entusiasta di un pubblico sempre crescente.

Sempre a Zelig cabaret il pubblico ha avuto la possibilità di vedere crescere comici del calibro di Ale e Franz, Teresa Mannino, Ficarra e Picone, Geppi Cucciari, Checco Zalone.

Dopo più di 30 anni di programmazione Zelig continua a scovare i nuovi talenti della comicità italiana per aprire loro la ribalta teatrale o far loro da palestra per la televisione, mantenendo vivo questo genere, il cabaret, di cui ormai è diventato marchio di garanzia.

Note

Pagine correlate

Collegamenti esterni

Tutor della pagina WikiMilano

Contatta il tutor di questa pagina WikiMilano