Filippo Del Corno

Versione del 22 feb 2022 alle 12:44 di Redazione (discussione | contributi)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Filippo Del Corno

Assessore del Comune di Milano
Durata mandato 18 marzo 2013 –
8 ottobre 2021
Sindaco Giuseppe Sala - (fino a giugno 2016 Giuliano Pisapia)
Predecessore Stefano Boeri
Successore Tommaso Sacchi
Deleghe Cultura; Gestione dei grandi eventi; Rapporti con i Municipi

Filippo Del Corno, all'anagrafe Filippo Raffaele Del Corno (Milano, 23 gennaio 1970), è un musicista, ex amministratore locale e politico italiano, già assessore alla Cultura del Comune di Milano. È Responsabile Cultura nella Segreteria nazionale del Partito Democratico.

Contenuti verificati da Osservatorio Metropolitano di Milano (22/2/2022)

Biografia

Dopo la maturità classica conseguita con il massimo dei voti al Liceo Beccaria, si è diplomato nel 1995 in Composizione al Conservatorio G. Verdi, studiando con Azio Corghi e Danilo Lorenzini.

Dal 1997 è docente di Composizione (prima a tempo determinato, dal 2007 di ruolo) presso i Conservatori di Torino , Parma , Pesaro, Milano e Trieste, con una parentesi alla Scuola Civica di Musica di Milano.

Dal 1998 al 2008 ha ideato e condotto diversi programmi di approfondimento musicale e culturale su Rai-Radio3 (Due sul Tre, Grammelot, MattinoTre, Piazza Verdi).

Dal 2001 al 2007 è stato docente incaricato nel Corso di Laurea in Economia delle Arti e della Cultura dell'Università Bocconi.

Vive a Milano con la moglie e i due figli.

Mondo della Musica

Ha perfezionato la sua preparazione musicale anche con masterclass nei Paesi Bassi (con Louis Andriessen), Stati Uniti (con Cristopher Rouse) e Scozia (con John Cage e James MacMillan).

Attivo come compositore fin dal 1990, ha visto i propri lavori eseguiti da musicisti quali Luciano Berio, James MacMillan, Dimitri Ashkenazy, David Alan Miller, José Ramón Encinar, John Axelrod e da orchestre e ensemble quali London Sinfonietta, California EAR Unit, Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI; le sue composizioni sono regolarmente presenti nei più importanti festival e teatri della scena internazionale, tra cui Lucerne Festival, Festival de Radio France et Montpellier, Bang On A Can Marathon (New York), South Bank Centre (Londra), Biennale di Venezia, Romaeuropa Festival.

Su commissione della città di Copenhagen, capitale europea della cultura per il 1996, partecipa alla composizione collettiva di European Requiem, scritto a più mani da poeti e musicisti di diverse aree e culture d’Europa.

Nel 1997 in collaborazione con Angelo Miotto e Carlo Boccadoro fonda Sentieri selvaggi, gruppo dedicato all’esecuzione e alla diffusione della nuova musica.

Nell’aprile 2001 va in scena la sua opera Orfeo a fumetti, tratta dal libro di Dino Buzzati Poema a fumetti. Il debutto a Milano riscuote un grande successo e viene immediatamente ripresa a Torino, Mantova, Roma.

Orfeo a fumetti su Youtube

Nello stesso anno il suo progetto operistico Non guardate al domani, su libretto di Angelo Miotto e incentrato sul rapimento e l’assassinio di Aldo Moro, è selezionato per la fase finale del concorso internazionale “Genesis Prizes for Opera”: il primo blocco dell’opera viene presentato in forma di studio a Londra. Ne segue un lungo work in progress che termina con l’esecuzione completa dell’opera nell’aprile 2008 a Milano.

Nel 2005 inizia a comporre Confront reality, trilogia per orchestra: la prima parte, intitolata Critical Mass, viene eseguita nello stesso anno a L’Aquila diretta da Carlo Boccadoro. La seconda parte è il concerto per pianoforte e orchestra Not In My Name, presentato a Milano nel 2007 con Emanuele Arciuli solista e la direzione di James MacMillan.

Nel settembre 2009 debutta per il festival MiTo Settembre Musica il suo lavoro di teatro musicale Io Hitler su testo di Giuseppe Genna, con la regia di Francesco Frongia.

I suoi lavori sono incisi su CD Cantaloupe, BMG Ricordi, Emi Classics, Sensible Records, Stradivarius, RaiTrade e pubblicati dalle edizioni RaiTrade, Ricordi, Suvini Zerboni e Sonzogno.

Impegno istituzionale, politico e associativo

Dal 1997 al 2013 è Presidente e coordinatore artistico di Sentieri selvaggi, associazione culturale per la promozione e la diffusione della musica contemporanea.

Dal dicembre 2011 al marzo 2013 è presidente della Fondazione Milano - Scuole civiche.

Nel marzo 2013 è nominato assessore alla Cultura del Comune di Milano dal sindaco Giuliano Pisapia. Candidato alle amministrative del 2016, è il primo degli eletti della lista Sinistra X Milano ma rinuncia all'incarico di consigliere perché confermato in Giunta dal sindaco Giuseppe Sala. Prima delle elezioni comunali del 2021 annuncia di non ricandidarsi a Giunta e Consiglio[1]

È socio ordinario di Aspen Institute Italia da maggio 2007, componente del Consiglio direttivo della Fondazione Centro Nazionale Studi Manzoniani e di Federculture.

Il segretario Enrico Letta lo ha nominato il 18 marzo 2021 membro della Segreteria nazionale del Partito Democratico con l'incarico di Responsabile Cultura[2].

Note

Pagine correlate

Collegamenti esterni

Tutor di questa pagina WikiMilano

Vuoi proporre aggiornamenti e integrazioni o segnalare errori e imprecisioni?

Contatta il tutor di questa pagina WikiMilano oppure entra a far parte della Community.


Perché questa pagina è su WikiMilano?

Perché soddisfa i criteri di enciclopedicità che fanno capo al principio generale di rilevanza del soggetto per Milano e il suo territorio.

I soggetti presenti su Wikimilano svolgono, o hanno svolto, attività significative per lo sviluppo economico, sociale e culturale della città e dell’hinterland. La loro opera contribuisce a costruire l’identità della Grande Milano, il suo patrimonio materiale e immateriale.