WikiMilano - Protagonisti metropolitani è organo ufficiale dell'Osservatorio Metropolitano di Milano

non sei un utente registrato: al momento non puoi creare e modificare pagine.

Teatro Carcano

Jump to navigation Jump to search
Teatro Carcano
LOGOcarcano.png
Carcano.jpg
Protagonisti
Presidente
Consiglieri

Direttore artistico
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località Milano
Indirizzo Corso di Porta Romana, 63
Caricamento mappa ...
Contatti
Email info@teatrocarcano.com
Telefono + 39 02.55181377

Contatta il tutor di questa pagina WikiMilano


Checked.png Contenuti verificati da Osservatorio Metropolitano di Milano (13/11/2020)

Storia

Nel 1801 la Società teatrale della Casa Carcano decide di trovar spazio per un nuovo grande teatro. L’area è quella dell’ex convento di San Lazzaro, acquistata da Giuseppe Carcano. L’architetto Luigi Canonica, prende a modello la Scala e il Teatro della Cannobiana. Il Teatro Carcano ha quattro ordini di palchi, volta decorata a stucchi e dorature, un medaglione centrale, ornamenti dappertutto di tipo neoclassico. Posti dai 1200 ai 1500. Il 3 settembre 1803 la nobiltà e la ricca borghesia riempiono il teatro per la serata inaugurale: il programma comprende Zaira tratta dal dramma di Voltaire, musicata da Vincenzo Federici e il ballo Alfredo il grande musicato da Paolo Franchi.

L’attività proseguì con un certo lustro, e con intervento di artisti famosi. Sul palcoscenico del Carcano passarono, negli anni, le più grandi dive della lirica, dalla Pasta alla Malibran. Gustavo Modena, Ernesto Rossi, Adelaide Ristori, Edoardo Ferravilla, Eleonora Duse, Italia Vitaliani: questi sono soltanto alcuni dei nomi che diedero lustro al Carcano, nell’arco del tempo, per la prosa.

Tra le due guerre nella vita del Carcano si nota una certa routine nel repertorio e nel secondo dopoguerra il Carcano, anziché risollevarsi, ebbe una crisi. È del dicembre 1946 la sua definitiva chiusura, come teatro. Passano due anni e viene adattato a cinema, riaprendo l’8 ottobre 1948 con uno spettacolo dal titolo Le 4 arti; e rende omaggio a prosa, danza a musica.

Nel 1965 il Piccolo Teatro compie uno dei primi esperimenti di decentramento teatrale: da via Rovello a corso di Porta Romana. Dal settembre 1969 un sostanziale ammodernamento ha consentito una ripresa più vivace dell’attività del teatro, che adesso si presenta col noma Arcadia, in verità poco spiegabile con i tempi. Si assiste a riprese in prevalenza di spettacoli brillanti, commedie musicali, con Gianni Magni, Domenico Modugno, Walter Chiari, Walter Valdi, Claudio Villa, Tino Scotti, Piero Mazzarella.

Nei primi anni Ottanta il Carcano viene recuperato alla sua vocazione e da allora svolge un ruolo fondamentale nella vita culturale milanese e nazionale. Tra i grandi del teatro che hanno calcato il suo palcoscenico ricordiamo Salvo Randone, Giulio Bosetti, Anna Proclemer, Gabriele Lavia, Alberto Lionello, Piera Degli Esposti, Monica Guerritore, Marcello Mastroianni, Valeria Moriconi, Sergio Fantoni, Vittorio Gassman, Marina Bonfigli, Giorgio Albertazzi, Giuliana Lojodice, Nino Manfredi, Ottavia Piccolo, Aroldo Tieri, Gianrico Tedeschi, Marina Malfatti, Giorgio Gaber, Franca Rame, Lella Costa, Paolo Poli, Giuseppe Pambieri, Isa Danieli, Mariano Rigillo e il premio Nobel Dario Fo.

Tra le stelle della danza Carla Fracci, Luciana Savignano, Louis Falco, David Parsons, Oriella Dorella, Raffaele Paganini, Cristina Hoyos, Daniel Ezralow, Michael Clark.

Diretto da Giulio Bosetti dal 1997 al 2009 e successivamente da Marina Bonfigli, da settembre 2014 vede insediati come direttori artistici Sergio Fantoni e Fioravante Cozzaglio.

Il Teatro Carcano è stato reso ancora più confortevole dopo i lavori di ristrutturazione realizzati nell’estate 2010: sostituzione della pavimentazione e delle poltrone di platea e balconata, nuova illuminazione della sala, rifacimento del botteghino.

Note

Pagine correlate

Collegamenti esterni

Tutor della pagina WikiMilano

Contatta il tutor di questa pagina WikiMilano